La leggenda del picena

Vota questo articolo
(1 Vota)

Ogni castello che si rispetti ha la sua leggenda e questa è la più nota dei ruderi, che riguarda un punto preciso, il”Bus del Picèna”, un foro nelle mura del castello che strapiombano nella Vallaccia. Si narra di un sarto luterano che lavorava per le dame del castello. Era abile nel suo lavoro, ma goloso di fichi e una sera si spinse pericolosamente sugli esili rami di uno di quegli alberi che sporgevano dal muro sopra la Vallaccia, e vi precipitò, fu portato al castello in fin di vita.  Fu subito chiamato il sacerdote per convertirlo, ma il Picèna raccogliendo le ultime forze andava gridando: “Via quel mostro! Via quel mostro!” e morì senza pentirsi. Da allora nelle notti di luna piena il suo spirito inquieto vaga negli anfratti e sui muri del castello cercando pace

Letto 2627 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
Duecento anni fa, nella primavera del 1797 le truppe francesi di Napoleone accerchiarono il paese
Sorge tra Faver e Segonzano su uno sperone roccioso che domina il fondovalle. Fu probabilmente un ca
Biografia Il più autorevole esponente della dinastia dei conti di Tirolo (castello presso Merano
La chiesa di Valternigo sorge su di un colle vicino allo stesso, la chiesa fu dichiarata inofficia
Il 2 novembre è il giorno della "Battaglia di Segonzano" che fu condotta dai francesi che attaccaro
La situla fu trovata nel 1828 da Simone Nicolodi sul Doss Caslir di Cembra e ora si trova al museo
Nella Campagna Rasa di Cembra, così nominata per il suo aspetto piatto, dove non vi era nè coltu
Ogni castello che si rispetti ha la sua leggenda e questa è la più nota dei ruderi, che riguarda u
La chiesa d S.Pietro rappresenta una delle più importanti testimonianze dell'architettura gotica
Nella zona di Cembra sorgeva il castelliere distrutto dai Franchi nella loro calata del 590 (Cimbr