Sabato, 15 Marzo 2014 00:00

Il castello di Giovo o della Rosa

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Il Castello di Giovo è situato a circa 680 metri sul livello del mare.E’ posto su un dolce pendio circondato da prati , rivolto verso la vallata dell’Adige, che scorge in lontananza guardando verso Verla e Palù. La strada che collega il castello con il paese di Verla s'innesta con quella che passa accanto alla vecchia chiesa di s.Maria di Giovo, detta anche strada Piovecia, cioè strada della pieve vecchia ed era l’unica strada di comunicazione tra Verla e Ville. Il castello possedeva all’epoca due torri, giardino,pozzo,edifici e il palazzo. Una delle due torri tuttora nelle sue dimensioni originali è alta circa 24 metri e risale al XIV secolo.Ha cinque piani il primo ha il pavimento in legno,il secondo,il terzo e il quarto sono divisi da avvolti in muratura e il quinto ha il pavimento in legno.E’ possibile passare da un piano all’altro mediante una scala mobile in ferro attraverso le botole ricavate nei soffitti. Il materiale di costruzione utilizzato è porfido e pietra arenaria giallastra. La torre è orientata a Sud-Ovest Nord-Est quindi durante il giorno tutte e quattro le pareti sono illuminate dal sole. Alla base la torre misura 5,50 metri per 5,63 metri. La seconda torre è alta circa dieci metri situata all’estremo Nord-Est e in epoca congiunta con il palazzo. Nel cortile vi è un pozzo profondo all’origine circa tre metri con sopra una lastra bucata nel centro dove vi era poggiato il verricello per attingerci all’acqua mediante un secchio, Su una mappa del 1795 è segnato un pozzo anche in fondo al giardino del castello,pozzo tuttora sfruttato. Il giardino era posto davanti al castello separato dalla strada questo misurava circa 1.740 metri quadrati dove vi erano viti ed era circondato da un muro. Gli edifici che congiungevano le due torri e che chiudevano il cortile interno del castello detta la cort, sono crollati a partire dal XVIII secolo (invasione dei francesi). La costruzione del palazzo risale all’incirca al XV secolo un elemento sono le finestre a croce guelfa. Il muro esterno del palazzo quello che sta sulla strada ha uno spessore di 1,40 metri. L’attuale scala esterna che porta al primo piano del palazzo è stata costruita all’inizio di questo secolo.
Letto 1578 volte Ultima modifica il Mercoledì, 30 Aprile 2014 15:19
Devi effettuare il login per inviare commenti
Duecento anni fa, nella primavera del 1797 le truppe francesi di Napoleone accerchiarono il paese
Sorge tra Faver e Segonzano su uno sperone roccioso che domina il fondovalle. Fu probabilmente un ca
Biografia Il più autorevole esponente della dinastia dei conti di Tirolo (castello presso Merano
La chiesa di Valternigo sorge su di un colle vicino allo stesso, la chiesa fu dichiarata inofficia
Il 2 novembre è il giorno della "Battaglia di Segonzano" che fu condotta dai francesi che attaccaro
La situla fu trovata nel 1828 da Simone Nicolodi sul Doss Caslir di Cembra e ora si trova al museo
Nella Campagna Rasa di Cembra, così nominata per il suo aspetto piatto, dove non vi era nè coltu
Ogni castello che si rispetti ha la sua leggenda e questa è la più nota dei ruderi, che riguarda u
La chiesa d S.Pietro rappresenta una delle più importanti testimonianze dell'architettura gotica
Nella zona di Cembra sorgeva il castelliere distrutto dai Franchi nella loro calata del 590 (Cimbr